Giocate Vincenti

Le varie tipologie di prestiti

INDICE della guida ai finanziamenti  

Che tipo di finanziamento puoi ottenere

I lavoratori dipendenti e i pensionati possono accedere a due tipologie di finanziamento: la cessione del quinto ed il prestito personale.

I finanziamenti vengono erogati da istituti bancari o istituti finanziari che, in base alla cifra richiesta ed allo stipendio percepito, stabiliscono quali sono le condizioni per la concessione del finanziamento, per la sua durata e, ovviamente, per l'importo della rata mensile.
I lavoratori dipendenti e i pensionati possono accedere a due tipologie di finanziamento: la prima è il prestito personale, concesso solitamente come credito al consumo, cioè per l'acquisto di un bene destinato alla famiglia; la seconda tipologia è il prestito con cessione del quinto dello stipendio, anche questo erogato per l'acquisto di beni durevoli o per la rateizzazione di spese straordinarie. I lavoratori autonomi, invece, hanno accesso solamente al prestito personale.

Guida alla cessione del quinto

La cessione del quinto dello stipendio è una particolare forma di finanziamento che prevede il prelievo della rata direttamente dallo stipendio, fino a un massimo del 20 per cento dell'importo totale della busta paga, al netto delle ritenute.
Questa pratica, oltre al limite massimo dell'importo della rata, stabilisce anche una durata minima del prestito di 24 mesi e una massima di 120 mesi ed è riservato ai lavoratori dipendenti e ai pensionati.

Il vantaggio di questa tipologia di finanziamento è legato ai pochi documenti che vengono richiesti (CUD, busta paga o certificato pensione). Inoltre, proprio per il prelievo della rata direttamente dallo stipendio, questo finanziamento può essere concesso anche ai cattivi pagatori, ai pignorati e ai protestati e non vengono conteggiati eventuali altri finanziamenti in corso; altri vantaggi derivano da un maggior importo del prestito rispetto a quello di tipo personale e alle coperture assicurative che vengono attivate automaticamente al momento della concessione del finanziamento.
In ultima istanza, per l'ottenimento è obbligatorio avere il benestare del proprio datore di lavoro il quale verrà a conoscenza dei debiti contratti.

Guida al prestito personale

Il prestito personale viene concesso per l'acquisto di beni di consumo destinati alla famiglia, come per esempio elettrodomestici, mobili e automobili. A differenza del prestito con cessione del quinto, al prestito personale possono accedere i lavoratori dipendenti, i pensionati e i lavoratori autonomi.
Questa tipologia di prestito è erogata in base a determinate condizioni: innanzitutto la cifra richiesta, sommata a eventuali altri finanziamenti in corso, non può superare il tetto del 35-40 per cento dei redditi totali del richiedente ed è necessario presentare la seguente documentazione: la busta paga degli ultimi 3 mesi, il CUD dell'anno precedente e tutto ciò che riguarda eventuali altri redditi oltre quello da lavoro.
Uno dei vantaggi di questa forma di finanziamento è che si può richiedere direttamente presso il punto vendita ove si acquista il bene, facilitando e velocizzando le pratiche relative alla concessione del prestito. Quando il prestito personale viene erogato, il rimborso delle rate mensili avviene tramite RID bancario e, quindi, il datore di lavoro non viene coinvolto non essendo necessaria alcuna autorizzazione al prelievo.

Copyright © 2008/2021 GiocateVincenti.it ® P. Iva IT03220370138 Diritti riservati.

Il gioco può causare dipendenza patologica ed è vietato ai minori di 18 anni


Su questo sito NON utilizziamo cookie e NON registriamo nessun dato degli Utenti


Valido HTML5  Valido CSS3 Protected by Copyscape